venerdì 13 gennaio 2012

Soffermarsi a pensare


....nel momento in cui ti soffermi a pensare se ami o meno una persona, hai già la risposta.

L'ombra del vento - Zafon


Il sentimento è passione, si riversa in modo inequivocabile negativamente o positivamente e non da momenti per pensare: se dovessi fermarmi e chiedermi se amo od odio non sarebbe un'emozione.
Rifletto se devo fare o non fare un'azione, dare una risposta ad un problema, accettare o meno un invito; i sentimenti non devono far soffermare un pensiero, devono fluire dal cuore e dall'anima.

3 commenti:

  1. Soffermarsi a pensare vuol dire anche saper mettere in discussione quello che si e' detto o fatto... avere abbastanza autocritica da saper riconoscere che non è possibile avere sempre ragione, e qualche volta riconoscere di avere anche torto o di aver sbagliato in qualcosa.
    Allora ritengo che il soffermarsi a pensare sia un momento edificante per se' stessi e per gli altri.

    RispondiElimina
  2. Il frammento di libro di Zafon non contempla un'autocritica rosa tea. La riflessione era volta al soffermarsi a pensare ad un'emozione, in special modo a quella dell'amore: credo che il tuo commento si riferisse più ad un esame di coscienza che contempla il soffermarsi ad analizzare l'evento e quindi nello stesso tempo analizzare se stessi e capire se si è fatto qualcosa che può o meno ferire gli altri per esempio.
    E' possibile?

    RispondiElimina
  3. Si io mi riferivo cara Savanna all'argomento del titolo "soffermarsi a pensare" in senso lato...

    Il frammento di Zafon (uno degli scrittori da me preferiti) e' molto chiaro ed inequivocabile e verissimo , non si puo' rifletere davanti ad un sentimento d'amore perche'annienterebbe l'emozione...

    RispondiElimina