martedì 5 giugno 2012

Come una rosa d'inverno di Jennifer Donnelly

Splendido seguito di 'I giorni del tè e delle rose':

La storia inizia sulle sponde del Tamigi, è l’anno 1900: le desolate strade dei sobborghi londinesi non sono il luogo adatto per una ragazza perbene come India Selwyn Jones. Lei però ha la testa dura, è un giovane medico che vuole esercitare la professione dove ce n’è più bisogno. E sarà proprio in uno di questi vicoli bui che incontrerà – e tenterà di redimere – il più famoso gangster della città, Sid Malone, duro, violento, affascinante. Malone è l’opposto di India: la ragazza, combattuta tra attrazione e repulsione, rinuncerà ai propri affetti e alle proprie sicurezze per seguirlo nel torbido mondo di lui, tra ladri, prostitute e sognatori. 

E' splendido, come il precedente "I giorni del tè e delle rose".
Niente da puntualizzare perchè la Donnelly ci sa fare con la penna; mi ha regalato ore fantastiche in compagnia di personaggi magnificamente caratterizzati, con dialoghi briosi e pieni di verve e ironia e di descrizioni accurate dei luoghi dove si svolgono le vicende.
Non mi aspettavo di meno però!
In questo libro la storia ruota attorno a Sid Malone, il fratello di Fiona, ed a India, ma si ritrovano ovviamente Fiona e Joe e li vedremo sposati con tanto di prole numerosa e alle prese con una serenità economica raggiunta nel primo libro e consolidata nel secondo. Personaggi nuovi si aggiungono per arricchire questo romanzo che è riuscito a tenermi incollata alle sue pagine e a regalarmi ore di puro piacere.
Jennifer Donnelly è una garanzia; i suoi libri li ho letti in formato ebook ma appena ne ho l'occasione li acquisterò in formato cartaceo perchè per lei i soldi sono spesi più che bene!
Ora attendo 'Wild Rose' credo l'ultimo libro della trilogia che dovrebbe essere arrivare nel nostro paese, a quanto ho recepito nel web, a fine anno.

Nessun commento:

Posta un commento