mercoledì 5 dicembre 2012

Aglio e zaffiri di Ruth Reichl

Un bel giorno a Ruth propongono di diventare critico gastronomico del "NewYork Times". La sua missione sarà visitare e giudicare i ristoranti della Grande Mela. Peccato che la foto di Ruth circoli già in tutti i migliori locali. Allora che fare? Escogita una soluzione semplice ma efficace: mettersi nei nostri panni, travestirsi da cliente "qualunque". Un giorno bionda fatale, un altro intellettuale "alternativa" o donna in carriera... Dopo il successo di "La parte più tenera" e "Confortatemi con le mele", tornano le memorie golose e divertenti di Ruth Reichl, attualmente direttore del "GourmetMagazine".
Ho dovuto accantonarlo per un pò altrimenti me lo sarei letteralmente 'divorato' questo libro!
Sono rimasta deliziata dalle recensioni della Reichl; il suo modo di descrivere il cibo rasenta la poesia!!!
Pare di 'sentire' il profumo, la consistenza (al palato) e il profumo del cibo mentre descrive i piatti che assaggia di volta in volta.
Questo libro inizia divertendo; il suo modo di raccontare le sue disavventure è esilarante. E prosegue affascinando: con il resoconto di portate infinite gustate nei ristoranti più raffinati e costosi di New York, la Reichl mi ha trasportato in un mondo fantastico costituito di profumi, colori, sapori, consistenze morbide e croccanti, accostamenti azzardati e gustosi e ricchezze di dettagli da capogiro.
Decisamente gustoso!

Nessun commento:

Posta un commento