mercoledì 9 gennaio 2013

Punto, punto e virgola, punto, virgola....


Come siamo disinvolti quando scriviamo che ci dimentichiamo spesso di inserire la punteggiatura, ma tanto...il senso della frase pensiamo si capisca lo stesso. E invece no!
E mai come oggi mi sono domandata a cosa serva, ma soprattutto come si usa, la punteggiatura, considerato che devo spiegarla al mio cucciolo di otto anni alle prese con grammatica, sintassi e...punti,virgole, doppi punti, punto e virgola etc, etc...
Domanda quindi cruciale; a cosa serve la punteggiatura?
Serve a dare un'intonazione alle frasi, specie nella funzione emotiva di un testo: provate a pensare a quei fumetti dove si 'parlano' con punti esclamativi o interrogativi che accuratamente combinati danno vita a emozioni diverse come la tristezza, la rabbia, la perplessità...
Nel caso di una virgola può servire a dare enfasi al soggetto, la sua funzione sintattica è quella di poter separare due elementi nella stessa frase.

Di sicuro ci può venire in aiuto il vocabolario quando abbiamo il dubbio atroce sull'uso di un punto e virgola o della virgola semplice; negli ultimi tempi alcuni linguisti hanno raggruppato nella punteggiatura classica anche segni come il trattino, le parentesi, i puntini di sospensione, l'accento, l'apostrofo, l'asterisco e le virgolette. Meglio abbondare!



La punteggiatura è molto importante: ci aiuta a scrivere e a schematizzare meglio le nostre idee ed a orientarci nel testo.
Introducendo dei silenzi e delle pause nello scritto, dando ritmo alle parole con le virgole, i punti e i trattini si conferisce al testo una intonazione orale gli si regala una vita propria.

Senza dover andare a farci un trattato di storia e guardando ai nostri giorni possiamo però renderci conto che usiamo sempre meno la punteggiatura, mentre ci serve più spesso quando su internet dobbiamo esprimere una faccina o per meglio dire un emoticon; in questo caso ci andiamo a piene mani a saccheggiare parentesi, virgole, punti e virgole...

Per colmare qualche lacuna e per divertirci un pò ecco la classifica di chi 'scende e chi sale' nell'utilizzo della punteggiatura.

Al top ten c'è il punto. Lo si usa dappertutto e soprattutto in pubblicità, mentre sui giornali lo si vede spesso prima di una congiunzione o del pronome.
Al secondo posto abbiamo la parentesi. Sono viste come una scorciatoia, ecco perchè piacciono tanto e fungono da scatola dove concentrare quelle informazioni che si fa fatica a collocare altrove.
Al terzo posto ecco i due punti. I giornali ne fanno un gran uso dei due punti, specie per incolonnare o numerare, perchè permettono di illustrare, chiarire e argomentare dei concetti e introducono un discorso diretto che è più facile da trattare di quello indiretto.

Rimane stabile la virgola. C'è chi la riduce al minimo o chi la mette dappertutto.

Scende invece il punto e virgola. Ricercato, non se ne vede il suo uso e anche dai giornali è praticamente scomparso.

All'ultimo posto invece si colloca il punto esclamativo. Serve a dare intonazione alla frase ma qui troviamo anche un buon numero di persone che si oppongono al suo uso dichiarando che servirsene significa non saper trovare le parole giuste.
Di solito viene sostituito con le emoticon che si ottengono con la tastiera o da altri simboli grafici che fanno determinare alla frase uno stato d'animo ben definito.
Io invece trovo che se ne fa ancora largo uso...

Ed ora mi tuffo in un bel libro di grammatica e vado alla ricerca del punto e virgola perduto!

Ciao! ^_^

1 commento:

  1. Ciaoo Elly mi ricordo perfettamente quel vecchio film di Toto' dove dettava una lettera, che veniva scritta "alla lettera" dal dattilografo... cosi che' le virgole ed i punti e punti esclamativi abbondavano... ah ah.
    Hai ragione comunque la punteggiatura non e' una cosa che ci si inventa, a volte si esagera ed a volte si scarseggia, ed e' cosi' che il senso del discorso perde la sua efficacia. Bello il tuo post.
    Consultare una grammatica ogni tanto non farebbe male a nessuno... tu ora lo devi fare volente o dolente col tuo piccolo che deve imparare... beh prendilo come un ripasso (anche se non ne hai necessita'). ciao un abbraccio

    RispondiElimina