giovedì 6 marzo 2014

Le donne e la religione nel corso del tempo

Ogni religione organizzata, con scarse eccezioni, ha come pilastro fondamentale il soggiogamento, la repressione e l'annullamento  della donna nel gruppo. La donna deve accettare  il ruolo di presenza eterea, passiva e materna, mai quello di autorità o di indipendenza, oppure ne paga le conseguenze. Può avere un posto d'onore tra i simboli, ma non nella gerarchia. La religione e la guerra sono affari maschili. E, comunque, la donna finisce a volte per diventare complice ed esecutrice del suo stesso soggiogamento.


tratto da 'Il gioco dell'angelo' di Carlos Ruiz Zafòn



2 commenti:

  1. Riflessione arguta e profonda..
    Effettivamente è la realtà, non c'è niente da obbiettare...
    Gran bel blog, per la verità gran bei blog..non sapevo dove iscrivermi e ho scelto questo tirando a caso...
    felice di averlo fatto..
    Sarei onorata di un tuo ricambio, grazie e serena fine serata!
    http://rockmusicspace.blogspot.it/

    RispondiElimina
  2. Grazie Nella, passo a visitare con molto piacere il tuo blog. :))

    RispondiElimina