venerdì 2 maggio 2014

Profumo - Storia di un assassino (tratto dal libro di Patrick Suskind)

Il libro di Suskind l'ho letto parecchio tempo fa, ma è uno di quei libri che difficilmente sbiadisce dalla memoria;  gli accadimenti si susseguono a ritmo incalzante e non mi hanno dato modo di far calare di un attimo l'attenzione. Il film ha tenuto bene la prova contro il libro: si sa che i film tratti da romanzi, per ovvi problemi di tempo (altrimenti potrebbero trarne delle serie televisive) non soddisfano completamente, la storia viene tagliata, rielaborata e cambiati anche parecchi dettagli se devono scenicamente essere adattati alla pellicola.

In breve la trama è questa:  nel 1738, a Parigi, in condizioni disagiate, nasce Jean-Baptiste Grenouille. Fin da bambino, dotato di un olfatto molto sviluppato, Jean-Baptiste va alla ricerca di tutti gli odori del mondo. Una volta cresciuto, lavora nel negozio del profumiere Baldini, dove apprende tutti i segreti delle spezie e delle essenze. La sua ossessione, però, rimane quella di riuscire a distillare e conservare il profumo delle donne. Questo incubo lo farà diventare un assassino.



'Profumo -Storia di un assassino' è un film che non perde punti sul libro; dalla scenografia e dai costumi  accuratamente ricostruiti si respira il periodo storico in cui si svolge la storia e i suoi protagonisti si sono perfettamente calati nella parte. Tra gli attori, l'unico demerito, ahimè va al bravissimo e  istrionico Alan Rickman  :purtroppo, la sua interpretazione di Richis, un ricco e potente nobile, è troppo rigida e per certi versi troppo teatrale in alcuni frangenti, che mi hanno fatto storcere il naso. Un gran peccato perchè questo attore (potete forse facilmente ricordarlo quando ha impersonato Severus Piton, il professore, nella saga di Harry Potter) è molto molto bravo e meriterebbe più visibilità.
Perfetto invece nella parte di Baldini, il profumiere dove Grenouille lavorerà,Dustin Hoffman ; una parte breve ma in cui l'attore ha dato il giusto lustro e incisività al personaggio che nel romanzo si rivela fondamentale per il giovane Jean Baptiste, ma qui purtroppo lo vediamo relegato a pochi minuti di gloria, sempre per i tempi stretti cinematografici.
Chi ha interpretato invece la parte principale di Grenouille è un attore che non conoscevo affatto e che si è rivelato veramente in gamba, Ben Whishaw dotato di una grande intensità interpretativa. La scena in cui cerca di aspirare l'odore del corpo dalla ragazza che involontariamente ha ucciso, è magnetica, e con il suo gesto è riuscito a farmi 'sentire' la sua voglia di aspirare l'essenza di quella sfortunata ragazza.


Forse vi domanderete come abbiano potuto realizzare il finale, che come ben saprà chi ha letto il libro è molto macabro, tosto....bè, di certo non voglio svelarvelo ma vi posso solo dire che si è dato allo spettatore l'esatto 'the end' del libro senza però realizzarlo fisicamente....è un pò criptica questa mia affermazione ma non voglio andare troppo oltre.
Dovete vedere il film! Assolutamente...non potete perderlo se avete letto l'opera di Suskind!




















1 commento:

  1. Gran bel film e ottimo libro cara Elly...
    Mi hanno soddisfatto tutti e due ..ottima scelta!
    Abbraccio prefestivo!

    RispondiElimina