mercoledì 11 febbraio 2015

L'amore bugiardo

'L'amore bugiardo' è uno di quei film che riescono a farti sentire le farfalle nello stomaco...Quando sono riuscita a mettermi in poltrona e godermi questo film, di cui ho apprezzato molto l'interpretazione di Ben Affleck, una sensazione strana mi ha pervaso già dai primi  minuti della pellicola; si capisce subito che c'è qualcosa di strano in questa storia. Ma non 'strano' nel senso letterale della parola...i due protagonisti riescono magistralmente a caricare i loro personaggi di un alone di ambiguità e dubbio.
Amy e Nick, sposati da cinque anni,  complice la crisi che il paese sta attraversando e i rispettivi licenziamenti, si stabiliscono  nel paese natale di lui e nel giorno del quinto anniversario di matrimonio Amy scompare. Ovviamente i sospetti cadono sul marito e i frequenti flashback non fanno che confermare la personalità alquanto torbida di Nick.
E lui sembra proprio colpevole!
La sua mancanza di emozione nella sparizione della moglie, le sue spiegazioni telegrafiche, il suo modo frettoloso e noncurante, fanno subito sospettare una sua implicazione nella vicenda.
In più...si viene a scoprire che il bellone ha una tresca con una ragazzina poco più che ventenne...
Sembrerebbe tutto scontato...una storia banale come ce ne sono tante...e invece sorpresa! Il film prende una strada ben diversa da quella che si pensa.
Senza ovviamente scendere nei particolari, il film a metà da una bella scarica di adrenalina: scopriamo un rapporto coniugale ben lungi da essere quello felice che i due coniugi si ammantano di fronte alla comunità e ai familiari. Sospetti, rancori, bugie sono il pane quotidiano che Nick e Amy mangiano e di cui si alimentano sino ad arrivare al quel giorno in cui Amy scompare.
Non voglio aggiungere altro se non quello di vederlo.
Perchè è un bel film, perchè i due attori sono bravissimi a rendere le emozioni sulla pellicola, perchè la storia potrebbe essere quella dei nostri vicini di casa, perchè....merita veramente di essere visto!

sabato 7 febbraio 2015

Briefing!

Oggi mi è tornata in mente la parola 'briefing' retaggio di diversi anni fa in cui lavoravo in un call center, e i briefing erano una costante settimanale.

Cosa sono? E' una parola inglese che non vuol dire altro che 'riunione' il classico incontro tra capo e dipendenti dove si fa il punto della situazione lavorativa. Ma si poteva lasciare quella vecchia! Nooo....In inglese fa più figo!

Per me invece, in questi giorni, è tempo di briefing mentale. Finite le feste, tra appuntamenti di salute, di scuola, e riorganizzazione dei miei vari lavori manuali e in rete, mi sono decisamente persa.

Tante cose aperte ma puntualmente arenate in qualche angolo della mia testa per dare spazio a cose più urgenti. La famiglia è priorità specie in questo particolare momento in cui mio figlio si appresta ad iniziare diversi percorsi per migliorare il suo apprendimento scolastico.

Mi sembra di essere andata in 'letargo' complice forse questo freddo e queste giornate ricche di neve e pioggia ma non vorrei raccontarmi una scusa... eheheh! Ma no...io adoro l'inverno e mi rende sempre più scattante e pronta rispetto a quando arrivano le giornate calde che mi colpiscono e mi abbattono in maniera letale.

Devo riordinare il tutto e un bel briefing mi aiuterà a risistemare tutti i miei progetti.

Per il momento mi godo questo weekend anche se  in mezzo a termometri, sciroppi e pastiglie contro questa influenza difficile da debellare...

Vi auguro un weekend in salute :)))
A presto!
Elly